Progetti & Partnership

LINO E IL DIABETE

 
Il progetto “Lino e Il Diabete” nasce dal desiderio di integrare gli usuali strumenti di educazione sanitaria, coinvolgendo e facendo immedesimare nei personaggi del libro chi in età precoce viene travolto dall’insorgenza del diabete. Il peluche, morbido e coccoloso, dotato di fasce colorate a tinte vivaci, non è solo un gioco, ma vuole essere anche un mezzo affinché i bambini imparino con leggerezza in quali zone del corpo praticare l’iniezione di insulina.
Come genitori abbiamo sperimento che quello dell’esordio è un momento destabilizzante per il bambino che si sente il fulcro di una situazione dolorosa e fortemente stressante. La storia di Lino intende fornire un esempio dei pensieri che i bambini talvolta esplicitano, ma molto spesso, non sanno come o pensando di non dover esprimere. Nel racconto gli autori, forti della loro esperienza sul campo, dimostrano come sia possibile rispondere con chiarezza, spontaneità e modi rassicuranti persino alle domande più importanti e difficili. Rispondere con parole ma anche con piccoli gesti, che, come ha ben messo in evidenza l’illustratore, costruiscono un clima relazionale di intimità e fiducia.
In noi, che l’abbiamo letto per primi, il libro ha suscitato un senso di rassicurazione ed emozioni positive ed anche per questo ringraziamo gli autori, il Dott. Stefano Bartoli e la Dott.ssa Fabiana Cardarelli, e l’illustratore Fabrizio Di Nicola.
Il nostro grazie va anche alla Trudi S.p.A., la Giochi Preziosi e la Giunti Editore che hanno creduto e condiviso con noi il progetto con la collaborazione, risultata indispensabile, del Dott. Amedeo Giustini.
Un grazie, infine, a tutti i volontari che con me hanno reso possibile la costruzione e la realizzazione di questo progetto fortemente voluto e apprezzato da tutti i membri di AGD Italia, in particolare a Salvatore Viscuso, Maria Lisa Calzetti, sempre presente e disponibile ad ascoltare e mediare con saggezza, e Ruth Mensingh, prezioso stimolo per la nascita del progetto.
La storia di Lino, come tutte le storie che si rispettino, desidererebbe non essere letta e dimenticata, con il sogno che possa stimolare consapevolezza e coraggio in chi leggerà, affinché sia i bambini che i loro genitori possano iniziare questo cammino (come si usa dire nelle fiabe) un po’ più “felici e contenti”.
 
 
(Testo tratto dalla Prefazione di MASSIMO CIPOLLI al Libro " Lino e il diabete - Un amico coraggioso"  edito nel Novembre 2013 ) 
 
"Lino e il diabete" è stato tradotto in lingua tedesca e può essere rischiesto in questa versione a tutte le associazioni affiliate ad AGDItalia