News

SPOT del Ministero della Salute per la campagna di comunicazione PREVENZIONE del DIABETE ...T. 2

30 Mar 2018

In riferimento allo Spot del Ministero della Salute per la campagna di PREVENZIONE del DIABETE  abbiamo accolto con soddisfazione che lo stesso sia stato "aggiornato" con la specifica che  trattasi di campagna di comunicazione per la prevenzione del diabete di T.2  dopo che anche AGD ITALIA ha scritto al Ministero richiamando a una corretta informazione. 
 
Questo il testo della lettera inviata:
 
OGGETTO: Nuovo spot televisivo per la campagna di Prevenzione del Diabete.
 
Illustrissimi,
 
è con rammarico che ci accingiamo a scrivere questa nota a seguito della visione dello spot televisivo in oggetto, che ha profondamente deluso le nostre aspettative: non ci rappresenta nonostante ci abbia visto partecipanti attivi e firmatari della campagna.
 
L’argomento del contendere è ancora una volta accomunare due malattie diverse con lo stesso nome: il Diabete Mellito Tipo 1 e il Diabete Tipo 2. 
 
Il Piano Nazionale sulla Malattia Diabetica ci obbliga ad essere TUTTI, e il Ministero in primis, estremamente chiari nel distinguere la patologia diabeteica in TIPO 1 o TIPO 2, senza incorrere in una non corretta e non educativa informazione. 
 
Abbiamo partecipato come AGD Italia ad una riunione il 19 settembre presso la sede di Lungotevere Ripa del Ministero della Salute inviando quel giorno due persone che fanno parte del nostro Consiglio Direttivo: il dott. Cesari Giorgio e la dott.ssa Buriola Tiziana (in qualità anche di rappresentante di DIABETE ITALIA) per dare il nostro contributo di genitori di bambini con diabete.
 
Dalla bozza di progetto per la campagna di prevenzione presentata in quell’occasione era purtroppo già evidente che non si sarebbe parlato di diabete mellito 1, quello che colpisce i bambini e per il quale non si può parlare di prevenzione poiché non dipende da scorretti stili di vita bensì da una reazione autoimmune.
 
Tra i vari interventi fatti è stato più volte richiesto di specificare nello spot che si sarebbe parlato di prevenzione del Diabete di TIPO 2 per far almeno sorgere nella mente degli ascoltatori il dubbio che ci potessero essere altri tipi di diabete. 
 
Purtroppo non ci sono stati altri contatti via email come concordato, ed è stata anche annullata la Presentazione Ufficiale dello Spot che era prevista per il 27.03.2018 unico momento che ci avrebbe fornito l’occasione per rappresentare il nostro dissenso.
 
Quando lo spot ha fatto la sua comparsa ha scatenato nei social media e nei forum di discussione una serie di accuse ad AGD Italia e l’indignazione da parte dei genitori di bambini con diabete che rappresentiamo sta minando la nostra credibilità.
 
Apprezziamo il fatto che sul sito sia indicata correttamente la differenza tra diabete di tipo 1 e tipo 2: ma quante persone guarderanno il sito? E quante invece vedranno lo spot? L’impatto mediatico ancora una volta influirà sulla percezione comune che chi ha il diabete ha “mangiato troppi zuccheri”!
 
È nostro dovere chiedervi di rettificare nei limiti del possibile il messaggio dello spot aggiungendo la voce fuori campo del protagonista oppure aggiungendo titoli in sovraimpressione che specifichino che si sta parlando di Diabete di Tipo 2.
 
Cogliamo l’occasione per informarvi che prossimamente uscirà un nuovo spot di AGDITALIA solo sul Diabete Mellito 1 e potrebbe essere quello un buon momento per darci il vostro sostegno attraverso i vostri canali di divulgazione.
 
Certi della vostra comprensione e sicuri che farete quanto in vostro potere per rispondere alle nostre esigenze, porgiamo cordiali saluti.
 
 
Il Presidente
Giovanni Lamenza